Welcome to my World

Concerto: 2 agosto – ore 21.00

Vocalità sofisticata e grintosa energica vocalist newyorkese, milanese d’adozione, Joyce Elaine Yuille incontra L’eclettico ensemble romagnolo Jazz Inc, strumentisti dalla solida reputazione che, insieme o singolarmente, hanno collaborato con numerosi artisti internazionali.

Joyce Elaine Yuille, originaria di New York nella zona di El Barrio, Spanish Harlem, la cantante afroamericana entra giovanissima nella Fiorello Laguardia High School of The Music & Performing Arts di Manhattan, divenuta poi famosa nel mondo con il film “Saranno Famosi”.

Lascia gli States per intraprendere una carriera di modella a Parigi ed infine approda in Italia, dove entra nel mondo musicale e matura una grande esperienza nel circuito live dei club e festival, interpretando con successo il repertorio dell’American Songbook.

Una vocalità elegante e al tempo stesso potente e passionale, apprezzata dai più importanti festival e jazz club del circuito, con un ampio panorama di collaborazioni che comprendono anche Paolo Conte, Donna Summer e Gloria Gaynor. E’ stato pubblicato il suo primo album solista, uscita 28 aprile 2015, intitolato “Welcome To My World”. Dotata di una strepitosa vocalità jazz/blues, questo primo lavoro discografico (quattordici brani) è composto principalmente da inediti e da un repertorio dal forte background soul e jazz.

L’album è prodotto da Luciano Cantone per Schema Records, vivace etichetta specializzata in jazz, retro, Brazilian jazz e nu-jazz a cui si deve anche il sorprendente debutto discografico di Mario Biondi “Handful of Soul”.

Special Guest: FABRIZIO BOSSO 

Fabrizio Bosso, star della scena jazz italiana e internazionale, ha iniziato a suonare la tromba a 5 anni. A 15 era già diplomato al conservatorio G. Verdi di Torino. Coltivando di continuo gli interessi per la musica di estrazione colta si è accostato al jazz. Un richiamo forte, suadente, a cui il torinese non ha saputo reagire. Tecnicamente impeccabile, ciò che più colpisce di Fabrizio è la creazione di una grafia personale, in cui il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, il senso dello swing è spinto agli eccessi, la tensione creativa è costante anche nell’interpretazione di standard.

Nel corso della sua carriera ha avuto numerose collaborazioni con artisti quali Stefano Di Battista, Paolo Fresu, Aldo Romano, Flavio Boltro, Mario Biondi, Sergio Cammariere, Bob Mintzer, Tullio De Piscopo, Paolo Di Sabatino, Randy Brecker e molti altri artisti di livello internazionale.

Schema si affianca il sassofonista finlandese Timo Lassy e il suo band formata dal pianista greco Georgios Kontrafouris, Anttti Lotjones al contrabbasso, Abdissa Assefa alle percussioni e Ville Pynssi alla batteria, che rappresenta attualmente una delle migliori espressioni del jazz nordeuropeo di matrice hard bop e non solo.

Nel tour italiano ci sarà il Jazz Inc. Un gruppo che nasce dall’incontro tra Alessandro Fariselli (sassofono), Massimiliano Rocchetta (pianoforte), Fabio Nobile (batteria) e Mauro Mussoni (contrabbasso),  Luca Mattioni (percussioni)eclettici musicisti di estrazione jazz, acid jazz e pop con esperienze anche in ambito world e musiche di confine.

Alessandro Fariselli, vanta collaborazioni con Steve Ellington, Fabrizio Bosso, Paolo Fresu, Massimo Moriconi, Gloria Gaynor, gli High Five Quintet e vari partecipazioni ai festival jazz più importanti d’Italia. Massimiliano Rocchetta è docente di Pianoforte Jazz al Conservatorio di Perugia e ha vinto più volte il Barga Jazz, prestigioso Concorso Internazionale di Arrangiamento e Composizione per Orchestra Jazz. Fabio Nobile è uno degli artisti più in vista della scena soul-jazz europea.

Mauro Mussoni insegna basso elettrico e contrabbasso presso diverse scuole di musica romagnole ed è docente di contrabbasso jazz presso l’Istituto Lettimi di Rimini.  Luca Mattioni vanta collabrazioni live e in studio con nomi di calibro. Strumentisti dalla solida reputazione che, insieme o singolarmente, hanno collaborato, in Italia e all’estero, con artisti internazionali del calibro di Sarah Jane Morris, Mario Biondi, Fabrizio Bosso, Karima, Gegè Telesforo, Rosalia De Sousa e Tanya Michelle.

Un organico unico ed affiatatissimo. Il repertorio del concerto è emozionante e vario di brani dal disco ed alcuni standard jazz arrangiati con venature soul, blues e anche un pizzico di funk per esaltare l’interplay tra i musicisti e la voce sofisticata ed energica di Joyce.